Conosci Mega&Bit

Visita Ghalis

Le tasse

Oltre il sistema solare, a milioni di anni luce da qui, c’è un piccolo pianeta a forma di asterisco. Si chiama Ghalis ed è un pianeta Pronto Soccorso: quando, in qualunque punto della Galassia, c’è bisogno di aiuto, gli agenti speciali ghaliani viaggiano nello spazio-tempo per intervenire. 

Tra loro ci sono Mega e Bit, specializzati nelle missioni sulla Terra. A prima vista sembrano due ragazzini terrestri, ma non ci si deve far ingannare dal loro aspetto: sono agenti speciali di prim’ordine! Quando non sono impegnati in una delle loro missioni, Mega e Bit passano il tempo giocando a carte, rimpinzandosi di wurstel con il cioccolato (il piatto tipico di Ghalis), ma soprattutto leggendo la Gazzetta Intergalattica. 

 

Ecco la prima pagina di oggi.

IL GRAN CONSIGLIO DI PHISCO DISCUTE SULLE TASSE

Il pianeta Phisco è abitato da alieni molto bassi e blu che si chiamano Phiscali. 

I Phiscali sono le creature più golose della galassia. Mangiano solo dolci e bevono solo bibite gassate. I mari e i fiumi sono fatti di Coca Cola, sugli alberi crescono caramelle e nelle miniere si estraggono torrone, cioccolato e liquirizia. 

I Phiscali che lavorano vengono pagati con monete di cioccolato bianco, al latte, o fondente (il più prezioso). Possono mangiarle oppure usarle per comprare altri dolci e bibite. 

 

Tutti gli abitanti di Phisco, però, devono dare una parte delle loro monete di cioccolato al Gran Consiglio, che le usa per costruire le scuole, riempire gli acquedotti di Coca Cola e rifornire gli ospedali di acqua e menta (la cura per tutte le malattie del pianeta). La parte di monete che viene data al Gran Consiglio si chiama tassa oppure imposta.

Ci sono due modi con cui i Phiscali pagano le tasse:

  • Contano tutte le monete che hanno guadagnato in un anno e ne danno una percentuale (per esempio il 23%) al Gran Consiglio. I Phiscali che guadagnano di più pagano una percentuale più alta rispetto a quelli che guadagnano di meno. Queste sono imposte dirette. Le imposte dirette vengono pagate solo dai Phiscali che hanno uno stipendio, cioè che lavorano e guadagnano monete.
  • Ogni volta che si compra qualcosa, una parte del suo prezzo va al Gran Consiglio (per esempio: su Phisco una bottiglia di aranciata costa 2 monete di cioccolato bianco. Di queste, una moneta e tre quarti va al negozio di aranciata, e il quarto rimanente va al Gran Consiglio). In questo caso si parla di imposte indirette. Le imposte indirette vengono pagate da tutti i Phiscali, ogni volta che fanno un acquisto.

 

A quasi nessuno dei Phiscali piace pagare le tasse: preferirebbero tenere le monete per sé per poter comprare qualche lecca lecca in più o costruire una piscina di cioccolato nel proprio giardino. Le tasse, però, creano dei vantaggi agli abitanti di Phisco: tutti, quando vanno all’ospedale, possono avere l’acqua e menta gratis, si possono fare anche tre docce di Coca Cola al giorno senza costi e i bambini possono andare a scuola senza pagare i libri fino alla quinta elementare. Grazie alle monete ricevute dagli abitanti, il Gran Consiglio paga lo stipendio di insegnanti e medici.

 

Riguardo alle tasse, i Phiscali hanno idee diverse:

  • Idea 1: alcuni pagano le tasse e pensano che sia giusto farlo. Anche se sarebbe bello poter tenere tutte le monete di cioccolato, è molto più utile avere gratis tutte le cose che vengono pagate dal Gran Consiglio. In questo modo anche i Phiscali che guadagnano poco o niente possono fare la doccia e curarsi quando stanno male.
  • Idea 2: altri pagano le tasse, ma credono che sarebbe meglio pagare solo per i servizi che si usano. Per esempio: invece di pagare ogni anno per l’acqua e menta, sarebbe meglio comprarla di volta in volta quando si va in ospedale. In questo modo, se non ci si ammala, non si spende nulla. Le persone con uno stipendio basso o le famiglie numerose potrebbero avere qualche problema ad affrontare le spese mediche e scolastiche, però tutti pagherebbero meno tasse.
  • Idea 3: ci sono anche dei Phiscali che hanno uno stipendio, ma non pagano le imposte dirette, o ne pagano meno di quanto dovrebbero. Lo fanno di nascosto, perché, se qualcuno li scoprisse, riceverebbero una multa. Alcuni lo fanno perché pensano che le tasse siano troppo alte e hanno paura di rimanere senza monete di cioccolato per fare la spesa e andare in vacanza. Altri vogliono solo tenere per sé tutte le loro monete e arricchirsi.

 

Se molti si comportano come nel caso 3, può succedere che il Gran Consiglio non abbia abbastanza soldi per pagare tutti i servizi. Quindi non c’è abbastanza acqua e menta per curare tutti i malati, oppure a scuola mancano degli insegnanti, o in alcune case finisce la Coca Cola. Se questo succede i Phiscali che pagano le tasse sono costretti a dare più monete di cioccolato al Gran Consiglio, per sostituire quelle di chi non lo fa.

Può capitare anche che il Gran Consiglio sbagli: magari chiedendo ai Phiscali un numero troppo basso di monete o sprecando quelle che riceve. In questo caso, anche se tutti pagano le tasse, non è possibile mantenere tutti i servizi necessari. Il Gran Consiglio deve aumentare le tasse oppure chiedere in prestito delle monete a un altro pianeta.

 

C’è anche un altro problema che riguarda le tasse non pagate o calcolate male. Se la Coca Cola finisce i Phiscali più ricchi possono sempre andare a comprarla in bottiglia al supermercato. Quelli che non hanno tante monete di cioccolato, invece, sono costretti a rimanere senza. Questo vale anche per i libri di scuola e per l’acqua e menta.

 

In questi giorni, il Gran Consiglio di Phisco sta decidendo quante tasse dovranno pagare i Phiscali il prossimo anno per fare in modo che le scuole e gli ospedali funzionino e che ci sia Coca Cola per tutti. I Phiscali non vogliono pagare tasse più alte, ma non vogliono neanche rischiare di rimanere senza i servizi di cui hanno bisogno, per questo la decisione del Gran Consiglio è molto difficile e richiederà ancora qualche tempo.

Vi terremo aggiornati!

MEGABIT - cose da grandi

Un modo nuovo di raccontare l’attualità ai bambin*

Contattaci

megabit.rivista@gmail.com

Privacy Policy